Home / Opere / Don César de Bazan (Ennery & Chantepie / Massenet)

Stampare il contenuto della pagina

Don César de Bazan (Ennery & Chantepie / Massenet)

Data

1872.11.30

Descrizione

Opéra-comique in 4 atti rappresentata per la prima volta (in una versione in tre atti) all’Opéra-Comique (Parigi) il 30 novembre del 1872. Versione rimaneggiata e riorchestrata nel 1888 da Massenet. Basata su Don César de Bazan di Adolphe d’Ennery e Philippe Dumanoir (1844), dramma in cinque atti a sua volta ispirato a Ruy Blas di Victor Hugo (1838).

Testo

Fin da Le domino noir di Auber (1837) e Le toréador di Adam (1849), l’espagnolade ispira ciascuno dei musicisti francesi fino a Bizet, Chabrier, Ravel e Debussy. Massenet non fa eccezione quando accetta il libretto di Don César de Bazan. Nella Spagna di Carlo II, Don César vola in soccorso del giovane Lazarille e sfida in duello il capitano che maltrattava il fanciullo. Poiché un editto reale condanna a morte ogni uomo che si batta durante la Settimana Santa, Don César viene condotto in prigione. Scampa per il rotto della cuffia all’esecuzione per vendicare il re – vittima di un complotto – che lo ringrazia nominandolo governatore di Granada. Dalla pièce eponima, d’Ennery e Chantepie traggono un libretto alleggerito da monologhi e descrizioni eccessive. L’azione ne risulta chiara e dinamica, propizia ad ispirare il giovane compositore trentenne. La partitura di Massenet chiama a raccolta motivi di fandango, bolero e seguidilla ed esibisce una grande padronanza dei diversi registri drammatici, confermando già la predestinazione del compositore per il teatro lirico. Alla prima, l’opera ottiene un successo relativo, sebbene riunisca in scena un trio di notevoli artisti: Célestine Galli-Marié (Lazarille), Paul Lhérie (Charles II) e Jacques Bouhy (Don César), che tre anni dopo saranno i creatori di Carmen, Don José ed Escamillo. Scomparsa nell’incendio della Salle Favart nel 1887, la partitura di Don César de Bazan viene interamente riscritta da Massenet nel 1888. Dalla Sévillana, inizialmente per orchestra e tanto gradita dal pubblico, il compositore trae in quell’occasione un’aria particolarmente acrobatica, dalle apprezzatissime colorature.

    Immagini - 2
  • Page de titre du quadrille Don César de Bazan d’après Massenet (Arban)
  • Page de titre du quadrille Don César de Bazan d’après Massenet (Juliano)
  • Libretto - 1
  • Don César de Bazan [mise en scène]
  • Persone - 3
  • CHANTEPIE, Jules-Gustave-Adolphe (-1885)
  • ENNERY, Adolphe d’ (1811-1899)
  • MASSENET, Jules (1842-1912)
  • Argomenti - 4
  • Institution – Opéra-Comique de Paris
  • Lieux de musique – Salle Favart
  • L’opéra-comique
  • Victor Hugo e i musicisti romantici