Home / Persone / GEORGES Alexandre

Stampare il contenuto della pagina

GEORGES, Alexandre (1850-1938)

Dopo aver compiuto gli studi all’École Niedermeyer, finalizzata a formare musicisti da chiesa, Alexandre Georges diventa maestro di cappella nella chiesa di Sainte-Clotilde a Parigi, dove César Franck è titolare del grande organo. Nel 1899 anche Georges viene nominato organista nella chiesa di Saint-Vincent-de-Paul, incarico che manterrà fino alla scomparsa. Il musicista destinerà al proprio strumento due volumi di brani, Les Chants de la paroisse (1898), dedicati ai fratelli Paul e Léon, organisti a Calais e ad Arras. Nel contempo è a sua volta docente di armonia all’École Niedermeyer. Il successo delle sue Chansons de Miarka (1888), su poesie Richepin, ha eclissato il resto della sua produzione vocale. Ma Georges è anche il compositore dell’opéra-comique Le Printemps (1890), del dramma Charlotte Corday (1901) e di Miarka, lavoro presentato con successo all’Opéra-Comique nel 1905 e successivamente ripreso in una versione abbreviata all’Opéra nel 1925. A ciò vanno aggiunte alcune musiche di scena, tra cui quelle per i drammi di Villiers de l’Isle-Adam, Axel (1894) e Le Nouveau monde (1895), eseguite al Théâtre de l’Odéon. La musica di Alexandre Georges fa regolarmente uso del colore locale mediante il ricorso ad arie e a danze folkloriche; essa è soffusa di una malinconia a cui non è estraneo un cromatismo che può evocare quello di Franck.