Home / Persone / MAZAS Jacques-Féréol

Stampare il contenuto della pagina

MAZAS, Jacques-Féréol (1782-1849)

Entrato al Conservatorio nel 1802, Jacques-Féréol Mazas ne esce tre anni dopo con un primo premio di violino. Si fa poi notare nell’esecuzione dei concerti di Viotti e del Concerto composto per lui da Auber. Dopo aver fatto parte dell’Orchestre du Théâtre de l’Impératrice, Mazas effettua una tournée in Spagna nel 1811. Nel 1814 suona in Inghilterra e nei Paesi Bassi, quindi dal 1822 al 1827 in Italia, Germania e Russia. Di ritorno a Parigi, Mazas esegue due propri lavori come solista presso la prestigiosa Société des concerts du Conservatoire. Nel corso degli anni Trenta è primo violino al Théâtre du Palais-Royal, professore a Orléans, poi direttore dell’École de musique di Cambrai. Nel 1820 era stata eseguita con successo, in forma di concerto, la sua opera Corinne au Capitole. Nel 1842 è la volta di Le Kiosque, di cui vengono date otto rappresentazioni all’Opéra-comique. La tecnica violinistica di Mazas era virtuosistica e moderna, trascendentale in una parola, ispirata in special modo a quella di Paganini come attesta il suo ampio catalogo per violino e per viola (per esempio il brano La Cloche, che si rifà a La Campanella dell’italiano). Questa tecnica rappresentava tuttavia un punto di equilibrio tra il virtuosismo talvolta esteriore di Paganini e la sobrietà di Baillot, maestro di Mazas e dedicatario del suo Concerto. La Méthode de violon di Mazas (1832) ha avuto una diffusione internazionale in varie lingue. In essa il musicista insiste particolarmente sull’uso degli armonici, che erano la sua specialità. Alcuni suoi studi sono adottati ancora oggi.