Home / Temi / Il mottetto francese alla fine dell’Ottocento

Stampare il contenuto della pagina

Il mottetto francese alla fine dell’Ottocento

Dopo aver conosciuto il proprio momento di gloria agli inizi del Settecento, il mottetto sembra esser passato di moda nell’Ottocento e il suo nome, che rimandava a forme specifiche, viene assegnato a qualunque brano religioso scritto su testo latino: diventa un genere minore e di uso “pratico”, nonostante un’abbondante produzione. Con l’eccezione dei Te Deum, che sono destinati alle grandi celebrazioni e godono di una certa notorietà, emerge una predilezione per i mottetti brevi. Certi testi sono particolarmente apprezzati: abbondano i Pie Jesu, gli Ave Verum, alcune parti del proprio della messa come l’Agnus Dei, o i canti in onore della Vergine Maria, quali l’Ave Maria, il Salve Reginao il Regina Cæli. Se, intorno al 1850, il mottetto come la musica sacra è spesso piacevole, spettacolare o espressivo, affine alla romanza al gusto dei salotti, un’evoluzione stilistica va progressivamente delineandosi sino alla fine dell’Ottocento, sotto l’influsso di scuole specializzate. L’École de Choron, la Schola cantorum e poi l’École Niedermeyer introducono uno stile “puro” influenzato dalla scrittura a cappella e dalla musica del Rinascimento. A questo nuovo orientamento si accompagna un ritorno in auge del mottetto, che si riallaccia a una tradizione antica mai del tutto perduta.