Home / Temi / Le società da concerto nell’Ottocento (testo)

Stampare il contenuto della pagina

Le società da concerto nell’Ottocento (testo)

Il romanticismo vede fiorire una pratica sociale che era appena allo stato embrionale nel secolo precedente: quella del concerto pubblico, instaurata fin dal periodo rivoluzionario da certe società filantropiche e da vari teatri e musei della capitale o delle province. La Société des concerts du Conservatoire dà inizio nel 1828 all’abitudine per le famiglie di ogni estrazione sociale di andare “al concerto” nel giorno del riposo domenicale. A partire dagli anni Sessanta dell’Ottocento i Concerts Colonne, Lamoureux e Pasdeloup richiamano varie decine di migliaia di spettatori per i quali viene ideato il “programma eclettico”, una composita raccolta di pezzi di vario genere finalizzata a commuovere e a sedurre senza mai stancare. L’ouverture e l’aria d’opera ricordano i successi lirici trascorsi o contemporanei (talvolta con un intento storicistico che consente di riscoprire Lully e Rameau fin dagli anni Quaranta), mentre il poema sinfonico stuzzica la fantasia con il suo “programma” narrativo e il concerto virtuosistico consente al solista di abbagliare con il suo spettacolare eroismo.